Campionati italiani di canottaggio 29-30 settembre 2018

4 Jole Bucintoro ai Campionati italiani di canottaggio 28-29/09/2018, Foto M.Ustolin ©Vento, onde e qualifica in fotofinish ai campionati italiani in tipo regolamentare a San Giorgio di Nogaro per il quattro jole della Bucintoro vogato da Roberto Agostini, Stefano Meis, Enrico De Fina e Daniele Mainardi, che ha superato all’ultimo secondo i Canottieri Saturnia di Trieste per finire primo della batteria.
Nella finale di domenica 30 settembre, il jole della Bucintoro si è piazzato al quarto posto.
I campionati italiani di canottaggio in tipo regolamentare 2018 hanno radunato 220 atleti provenienti da 58 società di canottaggio di tutta Italia.
I campionati in immagini4 Jole Bucintoro ai Campionati italiani di canottaggio 28-29/09/2018, Foto M. Ustolin ©

La Regata dei Matti 2018

Tiraggio numeri d'acqua, Regata dei Matti, RSC Bucintoro, 2018Alle ore 11 in punto del sabato 22 settembre 2018 gli equipaggi di Caronti ed Anime Perse tirati a sorte hanno preso il via per l’ormai tradizionale Regata dei Matti, fra un manicomio e l’altro.

   La classifica    La regata

Resoconto della regata: Partenza perfetta sotto l’occhio dell’autorevole giudice Alessandro Pezzile assistito da Marco Menegatti, subito seguita, nella più grande tradizione della Matti, da una collisione generale fra le mascarete che hanno puntato Santo Spirito e quelle sulla rotta giusta verso San Clemente. Usciti primi del groviglio, Riccardo Romanelli e Gian Piero Pauletta non si facevano più riprendere, malgrado gli sforzi di Cleo Vianello e Silvia Dainese che gli hanno dato battaglia feroce per tutta la traversata, e di Bianca Menegatti e Gianni Colombo che con destrezza straordinaria sono volati da ultimi a secondi.

Non meno Alessandro Gatto e Marco Zentilomo, prua a prua con Alessandro Vianello e Lorenzo Zavattiero fino al traguardo. Infine le mascarete di Eleonora Binetti e Paula Landart, Francesco Guerra e Alvise Guerra, Marco Dolcetti e Lola Savini, Carlotta Carlotti e Francesco Casellati sono tutte arrivate alla linea di arrivo pochi minuti dopo. Onore particolare al Caronte veterano Giuseppe Dalmartello e l’Anima persa alle prime armi della voga Philippe Guéguen.